| i luoghi, in evidenza

Quando tutteleterredelmondo…

Dopo la pubblicazione dell’articolo “Lu Roccone… simbolo di Pace?” ho ricevuto da Bruno Bolognesi, all’epoca Capogruppo della minoranza in Consiglio Comunale, un amaro commento sulla mancata attuazione di quel progetto.  Mi ha inviato un suo articolo apparso su L’Appennino Camerte dell’11 febbraio 2013, che ho aggiunto in coda al mio articolo (v.  Lu Roccone… simbolo di pace?), in cui descrive l’idea del Parco cogliendone appieno il senso e le potenzialità   Mi ha ricordato inoltre una mozione, presentata insieme a Fabrizio Tozzi e Luca Salvucci, con cui aveva impegnato il Consiglio Comunale a promuovere lo sviluppo di quel progetto, ma che in realtà ha mosso ben poco.  La pubblico integralmente, ricordando che la nuova Amministrazione Comunale, eletta di recente, ha nel suo programma (anche) il completamento del PARCO e la attivazione dell’iniziativa ad esso collegata.  Confidiamo.

 

MOZIONE

“PARCO DELLA PACE TUTTE LE TERRE DEL MONDO”

Il Consiglio Comunale

Premesso che:

  • i Comuni di Montelupone, Appignano, Castelraimondo, Esanatoglia, Montecassiano, Montefano, Porto Recanati, Potenza Picena, Recanati e Treia hanno aderito al Bando regionale con il progetto integrato denominato “Valle del Potenza: la Valle del Pensare” di importo complessivo pari ad € 3.000.000,00 con un contributo richiesto a valere sull’Asse V del POR FESR CRO 2007-2013 di € 2.400.000,00;
  • per il Comune di Esanatoglia sono stati previsti € 300 000 di cui € 240 000 da fondi europei e € 60 000 mediante l’attivazione di un mutuo da parte del Comune;
  • l’asse V dal titolo “Valorizzazione dei territori”, prevede investimenti per il recupero, la valorizzazione e la promozione del patrimonio culturale e paesaggistico;
  • il Comune di Esanatoglia ha presentato un interessante progetto dove è previsto, oltre al recupero del manufatto “il Roccone”, anche la realizzazione di un parco denominato “Parco della pace – Tutte le terre del mondo” attraverso il quale promuovere il messaggio universale della “pace”;
  • la realizzazione di tale progetto, oltre ad avere un importante significato simbolico, porterebbe lustro al nostro Comune facendolo conoscere a livello internazionale e creerebbe i presupposti per uno sviluppo culturale ed economico;
  • i lavori di consolidamento e restauro sono in avanzata fase di ultimazione (mancano: un’adeguata illuminazione, le balaustre di protezione, la sistemazione dei camminamenti e una opportuna segnaletica per la quale sono stati destinati € 60 000);

 Impegna il Sig. Sindaco e la Giunta Comunale a

  • rendere fruibile il manufatto portando a termine i lavori entro l’estate;
  • promuovere la nascita di un’Associazione dedicata che possa gestire in maniera adeguata la realizzazione del Progetto Culturale: “Parco della pace – Tutte le terre del mondo” coinvolgendo soprattutto giovani, studenti e tutti coloro che sono sensibili a questi argomenti. Tale Associazione, oltre che interfacciarsi con le diverse Nazioni (Tutte le Terre del Mondo), dovrebbe coinvolgere le Scuole di ogni ordine e grado non solo locali, sfruttando i circuiti del turismo tradizionale e scolastico (Borghi più belli d’Italia, Museo della carta Fabriano, Grotte di Frasassi, Sorgenti dell’Esino…);  
  • mettere a disposizione della sopra citata Associazione un minimo di logistica (una stanza, un computer, un telefono ecc…) che per il Comune avrebbe dei costi contenuti;
  • organizzare un’adeguata inaugurazione per far conoscere anche alla cittadinanza l’alto valore simbolico del progetto oltre al recupero del “Roccone”;
  • promuovere un appuntamento annuale, ad esempio “Giornata della pace” che valorizzi il Parco e metta in risalto l’evoluzione del progetto stesso.

Esanatoglia il 20.03.2013

Bruno Bolognesi  – Fabrizio Tozzi – Luca Salvucci 

 

2 Replies to “Quando tutteleterredelmondo…”

  1. mo' ha detto:

    /Users/monica/Desktop/AH AH.gif

  2. mo'? ha detto:

    /Users/monica/Desktop/AH AH.gif

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.